La Cassazione afferma che il rilascio dell’autorizzazione ex art. 31 legge sull'immigrazione, legato alla sussistenza di gravi motivi connessi allo sviluppo psico-fisico del minore, non deve essere legato al riscontro di una “situazione di eccezionale difficoltà e sofferenza”, ma è sufficiente, da parte del richiedente, ottemperare all’onere “di allegazione della specifica situazione di grave pregiudizio che potrebbe derivare al minore dall’allontanamento del genitore”: ne deriva un'interpretazione estensiva criticata dall'autrice.

I diffusi e facili contatti audio-video non bastano a limitare un presunto eventuale danno grave allo sviluppo psico-fisico di minori lontano dai genitori (Cass. 24 aprile 2019 n. 11274)

Ferrari, M
2019

Abstract

La Cassazione afferma che il rilascio dell’autorizzazione ex art. 31 legge sull'immigrazione, legato alla sussistenza di gravi motivi connessi allo sviluppo psico-fisico del minore, non deve essere legato al riscontro di una “situazione di eccezionale difficoltà e sofferenza”, ma è sufficiente, da parte del richiedente, ottemperare all’onere “di allegazione della specifica situazione di grave pregiudizio che potrebbe derivare al minore dall’allontanamento del genitore”: ne deriva un'interpretazione estensiva criticata dall'autrice.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11379/553279
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact