La Corte di Giustizia UE ha rilevato come l’art. 9, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 260/2012, stabilisce i requisiti tecnici e commerciali per i bonifici e gli addebiti diretti in euro, idonei ad assecondare “la creazione di un mercato integrato per i pagamenti elettronici” sviluppando servizi di pagamento comuni a tutta l’Unione, come il modello SEPA. Pratiche diverse vengono sanzionate.

Il mercato integrato per i pagamenti elettronici in euro deve operare senza limiti né distinzioni fra pagamenti nazionali e transfrontalieri (Corte Giustizia UE, sez V 5 settembre 2019)

Mariangela Ferrari
2019

Abstract

La Corte di Giustizia UE ha rilevato come l’art. 9, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 260/2012, stabilisce i requisiti tecnici e commerciali per i bonifici e gli addebiti diretti in euro, idonei ad assecondare “la creazione di un mercato integrato per i pagamenti elettronici” sviluppando servizi di pagamento comuni a tutta l’Unione, come il modello SEPA. Pratiche diverse vengono sanzionate.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11379/553269
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact