Il saggio illustra il piano di conservazione programmata della parrocchiale di Vilminore di Scalve, gestito integralmente con tecnologia G.I.S. Il Sistema Informativo Territoriale, messo a punto in via sperimentale nell’ambito di una tesi di specializzazione in restauro dei monumenti, consente di gestire integralmente il progetto conservativo e supportare il progettista della manutenzione in tutte le fasi analitiche e decisionali. Nel caso specifico l’utilizzo di questa tecnologia innovativa (almeno nel campo della tutela e gestione del patrimonio edilizio esistente) è stato facilitato dall’esistenza di un’ampia documentazione sistematizzata in forma ipertestuale e relativa sia alla storia dell’edificio, sia alla documentazione analitica dell’ultimo intervento di restauro che ha interessato la chiesa nel periodo 1995-2000. Inoltre, disponendo di un accurato rilievo topografico-strumentale in formato vettoriale, predisposto nell’ambito del progetto di conservazione, è stato possibile definire la base grafica attraverso la quale questi dati sono stati georeferenziati. Essi sono quindi attualmente consultabili a partire dalla loro collocazione fisica sull’edificio, possono essere interrogati in modo incrociato al fine di elaborare informazioni utili a supportare la programmazione delle operazioni manutentive. Infine, ed in questo sta una delle maggiori potenzialità della tecnologia G.I.S., i dati e i risultati delle interrogazioni possono essere automaticamente tradotti graficamente in tavole tematiche.

Vilminore di Scalve (BG): un piano di conservazione

COCCOLI, Carlotta;SCALA, Barbara
2006

Abstract

Il saggio illustra il piano di conservazione programmata della parrocchiale di Vilminore di Scalve, gestito integralmente con tecnologia G.I.S. Il Sistema Informativo Territoriale, messo a punto in via sperimentale nell’ambito di una tesi di specializzazione in restauro dei monumenti, consente di gestire integralmente il progetto conservativo e supportare il progettista della manutenzione in tutte le fasi analitiche e decisionali. Nel caso specifico l’utilizzo di questa tecnologia innovativa (almeno nel campo della tutela e gestione del patrimonio edilizio esistente) è stato facilitato dall’esistenza di un’ampia documentazione sistematizzata in forma ipertestuale e relativa sia alla storia dell’edificio, sia alla documentazione analitica dell’ultimo intervento di restauro che ha interessato la chiesa nel periodo 1995-2000. Inoltre, disponendo di un accurato rilievo topografico-strumentale in formato vettoriale, predisposto nell’ambito del progetto di conservazione, è stato possibile definire la base grafica attraverso la quale questi dati sono stati georeferenziati. Essi sono quindi attualmente consultabili a partire dalla loro collocazione fisica sull’edificio, possono essere interrogati in modo incrociato al fine di elaborare informazioni utili a supportare la programmazione delle operazioni manutentive. Infine, ed in questo sta una delle maggiori potenzialità della tecnologia G.I.S., i dati e i risultati delle interrogazioni possono essere automaticamente tradotti graficamente in tavole tematiche.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
COCCOLI_Ananke_47.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Full Text
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 17.89 MB
Formato Adobe PDF
17.89 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11379/495980
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact