Il presente contributo prende spunto dalle decisioni di due tribunali di merito in materia di rifiuto opposto dal paziente testimone di Geova all’emotrasfusione salva-vita. In particolare, vengono criticamente indagati i percorsi argomentativi di cui la giurisprudenza si avvale al fine di affermare, in linea generale, l’inviolabilità del dissenso, al contempo legittimando, però, nella fattispecie concreta, l’intervento del medico ed escludendo, di conseguenza, qualsivoglia tutela risarcitoria. A questo punto, il principio stesso del consenso informato rischia di rivelarsi in tutta la sua inutilità: per converso, la strada da imboccare è quella dell’estrema responsabilizzazione di questi pazienti «speciali» (special needs), degni destinatari di un’informazione, se possibile, addirittura «rinforzata» – così come potenziata da un movente circostanziato appare, del resto, la loro volizione.

Ma quanto è debole il consenso informato! L'ultima giurisprudenza sul rifiuto dell'emotrasfusione. Apologia di un principio inutile (e qualche tentativo esegetico).

CACACE, Simona
2017

Abstract

Il presente contributo prende spunto dalle decisioni di due tribunali di merito in materia di rifiuto opposto dal paziente testimone di Geova all’emotrasfusione salva-vita. In particolare, vengono criticamente indagati i percorsi argomentativi di cui la giurisprudenza si avvale al fine di affermare, in linea generale, l’inviolabilità del dissenso, al contempo legittimando, però, nella fattispecie concreta, l’intervento del medico ed escludendo, di conseguenza, qualsivoglia tutela risarcitoria. A questo punto, il principio stesso del consenso informato rischia di rivelarsi in tutta la sua inutilità: per converso, la strada da imboccare è quella dell’estrema responsabilizzazione di questi pazienti «speciali» (special needs), degni destinatari di un’informazione, se possibile, addirittura «rinforzata» – così come potenziata da un movente circostanziato appare, del resto, la loro volizione.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cacace RIML 2017 Ma quanto è debole il consenso informato.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo
Tipologia: Full Text
Licenza: DRM non definito
Dimensione 2.52 MB
Formato Adobe PDF
2.52 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11379/495075
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact