Limiti all’opponibilità del diritto dell’assegnatario di casa familiare