Il «semplice fatto» e la conclusione del contratto