Il concetto di sindrome metabolica: un valore aggiunto nella valutazione del rischio cardiovascolare?