Sindrome metabolica: un fattore di rischio cardiovascolare indipendente?