Test discriminanti: è possibile controllare gli errori?