L'intento del lavoro è quello di valutare gli eventuali limiti alla discrezionalità del legislatore nell’adozione del sistema elettorale desumibili dall’art. 48 Cost. nella parte in cui prevede l’eguaglianza del voto. In particolare l’indagine riguarda gli effetti che tale precetto costituzionale può avere in tema di scelta del sistema elettorale in senso stretto, inteso quindi quale sistema di trasformazione dei voti in seggi. Per poter giungere a questa valutazione, il lavoro si concentra, in una prima parte, sulla rappresentanza politica all'interno di un sistema di democrazia pluralista per comprendere la funzione che il sistema elettorale ha negli ordinamenti. Successivamente si prendono in considerazione due aspetti dei sistemi elettorali strettamente collegati all'eguaglianza del voto, ovverosia la determinazione dei collegi elettorali e la formula elettorale. In questo modo si cerca di evidenziare che il principio di eguaglianza del voto è un principio in grado di limitare la discrezionalità del legislatore anche in modo abbastanza significativo, senza però condurre ad una implicita costituzionalizzazione di uno specifico sistema elettorale (in particolare di quello proporzionale).

Eguaglianza del voto e sistemi elettorali. I limiti costituzionali alla discrezionalità legislativa

Daniele Casanova
2020

Abstract

L'intento del lavoro è quello di valutare gli eventuali limiti alla discrezionalità del legislatore nell’adozione del sistema elettorale desumibili dall’art. 48 Cost. nella parte in cui prevede l’eguaglianza del voto. In particolare l’indagine riguarda gli effetti che tale precetto costituzionale può avere in tema di scelta del sistema elettorale in senso stretto, inteso quindi quale sistema di trasformazione dei voti in seggi. Per poter giungere a questa valutazione, il lavoro si concentra, in una prima parte, sulla rappresentanza politica all'interno di un sistema di democrazia pluralista per comprendere la funzione che il sistema elettorale ha negli ordinamenti. Successivamente si prendono in considerazione due aspetti dei sistemi elettorali strettamente collegati all'eguaglianza del voto, ovverosia la determinazione dei collegi elettorali e la formula elettorale. In questo modo si cerca di evidenziare che il principio di eguaglianza del voto è un principio in grado di limitare la discrezionalità del legislatore anche in modo abbastanza significativo, senza però condurre ad una implicita costituzionalizzazione di uno specifico sistema elettorale (in particolare di quello proporzionale).
978-88-9391-870-1
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Casanova_Eguaglianza-voto_2020.pdf

solo utenti autorizzati

Dimensione 6.28 MB
Formato Adobe PDF
6.28 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11379/538324
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact