Premessa di Vito Breda e Matteo Frau