A distanza di oltre venti anni dall’entrata in vigore della l. 7 marzo 1996, n. 108 («Disposizioni in materia di usura») è ancora fortemente discusso quali voci di costo rientrino nel sindacato antiusura. In particolare, il volume indaga la rilevanza usuraria dei c.d. oneri eventuali, ossia gli oneri economici che il prenditore deve all’intermediario non già per effetto della sola conclusione del contratto, ma al verificarsi – nel corso di svolgimento del rapporto – di fatti futuri ed incerti. A questo riguardo, il dibattito dottrinale e giurisprudenziale è senz’altro prevalentemente attestato sugli interessi moratori, mentre sensibilmente meno indagate, tanto in letteratura quanto, ed in specie, in seno alla giurisprudenza di legittimità, la penale da ritardo/inadempimento e la commissione di estinzione anticipata; ben nota, invece, l’evoluzione amministrativa, normativa e giurisprudenziale che ha interessato la commissione di massimo scoperto, pur di recente interessata da un pronunciamento delle Sezioni Unite potenzialmente in grado di influenzare la querelle anche rispetto agli altri costi eventuali, primi fra tutti gli interessi moratori. Pur non trascurando le diversità strutturali e/o funzionali intercorrenti tra l’una e l’altra species, l’autrice predilige un approccio che miri a ricondurle a una considerazione il più possibile unitaria, sotto il profilo dei presupposti di integrazione dell’eventuale usurarietà, dei correlativi metodi di calcolo e delle conseguenze rimediali.

Usura e oneri eventuali

Luisa pascucci
2019

Abstract

A distanza di oltre venti anni dall’entrata in vigore della l. 7 marzo 1996, n. 108 («Disposizioni in materia di usura») è ancora fortemente discusso quali voci di costo rientrino nel sindacato antiusura. In particolare, il volume indaga la rilevanza usuraria dei c.d. oneri eventuali, ossia gli oneri economici che il prenditore deve all’intermediario non già per effetto della sola conclusione del contratto, ma al verificarsi – nel corso di svolgimento del rapporto – di fatti futuri ed incerti. A questo riguardo, il dibattito dottrinale e giurisprudenziale è senz’altro prevalentemente attestato sugli interessi moratori, mentre sensibilmente meno indagate, tanto in letteratura quanto, ed in specie, in seno alla giurisprudenza di legittimità, la penale da ritardo/inadempimento e la commissione di estinzione anticipata; ben nota, invece, l’evoluzione amministrativa, normativa e giurisprudenziale che ha interessato la commissione di massimo scoperto, pur di recente interessata da un pronunciamento delle Sezioni Unite potenzialmente in grado di influenzare la querelle anche rispetto agli altri costi eventuali, primi fra tutti gli interessi moratori. Pur non trascurando le diversità strutturali e/o funzionali intercorrenti tra l’una e l’altra species, l’autrice predilige un approccio che miri a ricondurle a una considerazione il più possibile unitaria, sotto il profilo dei presupposti di integrazione dell’eventuale usurarietà, dei correlativi metodi di calcolo e delle conseguenze rimediali.
978-88-921-3016-6
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
monografia PDF ultimo.pdf

non disponibili

Tipologia: Full Text
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 4.85 MB
Formato Adobe PDF
4.85 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11379/525805
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact