Il valore «normativo» dei principi