Genere e tecnologia: nuove capacitazioni o antichi pregiudizi mascherati?