Abstract L’indagine sul valore giuridico e culturale della rationabilitas, cui è dedicato il volume, ripercorre l’esperienza della codificazione canonica ed il contestuale sviluppo della riflessione dottrinale in materia, dalle fasi prodromiche, che risalgono al Concilio Vaticano I, fino ai risultati, sul versante latino e su quello orientale, dei processi codificatori che dominano la scena del diritto ecclesiale negli ultimi cento anni. In essa si riflette quella ricerca di equilibrio che, a partire dall’eredità del diritto canonico classico, tocca la vita dell’ordinamento nel suo punto sorgivo, là dove si delinea la proporzione dei mezzi, contingenti e sempre perfettibili, al fine essenzialmente immutabile dell’ordinamento medesimo. Del resto, l’idea di studiare l’itinerario legislativo del novecento, alla luce delle carte edite ed inedite relative ai lavori delle Commissioni codificatrici latine ed orientali, ha reso possibile addentrarsi nelle pieghe del linguaggio scelto dai redattori dei Codici, per cogliere, quasi in presa diretta, il pensiero dei protagonisti delle riforme, e consentire così di apprezzarne gli esiti, ripensando, anche in una prospettiva de iure condendo, i dinamismi che fanno del diritto canonico una sostanza vivente. .

Rationabilitas e codificazione canonica. Alla ricerca di un linguaggio condiviso

MINELLI, Chiara Maria Fiorella
2015

Abstract

Abstract L’indagine sul valore giuridico e culturale della rationabilitas, cui è dedicato il volume, ripercorre l’esperienza della codificazione canonica ed il contestuale sviluppo della riflessione dottrinale in materia, dalle fasi prodromiche, che risalgono al Concilio Vaticano I, fino ai risultati, sul versante latino e su quello orientale, dei processi codificatori che dominano la scena del diritto ecclesiale negli ultimi cento anni. In essa si riflette quella ricerca di equilibrio che, a partire dall’eredità del diritto canonico classico, tocca la vita dell’ordinamento nel suo punto sorgivo, là dove si delinea la proporzione dei mezzi, contingenti e sempre perfettibili, al fine essenzialmente immutabile dell’ordinamento medesimo. Del resto, l’idea di studiare l’itinerario legislativo del novecento, alla luce delle carte edite ed inedite relative ai lavori delle Commissioni codificatrici latine ed orientali, ha reso possibile addentrarsi nelle pieghe del linguaggio scelto dai redattori dei Codici, per cogliere, quasi in presa diretta, il pensiero dei protagonisti delle riforme, e consentire così di apprezzarne gli esiti, ripensando, anche in una prospettiva de iure condendo, i dinamismi che fanno del diritto canonico una sostanza vivente. .
978-88-921-0177-7
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11379/468287
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact