«Adversarial legalism» e giustizia civile