Lo sviluppo neurologico dei neonati non avviene solo per natura, ma per quanto i genitori (o caregiver) trasmettono loro. Il primo cervello, che così si struttura, è la base che condizionerà tutti i successivi apprendimenti del bimbo, i quali determineranno ulteriromente il suo cervello. Di qui la "mente" di un individuo: il suo specifico carattere, la sua affettività, il suo tipo di intelligenza, temperamento, personalità e comportamento. Quanto genitori e caregivers trasmettono, senza accorgersene, è veicolato dalle modalità con cui si curano del neonato e si relazionano con il bimbo: il veicolo di questa trasmissione sono le interazioni. Quello che viene trasmesso dipende dai genitori ed è diverso in ogni singolo caso. Il testo tratta delle esperienze e delle ricerche sulle modalità con cui si originano le prime funzioni mentali nel feto e nel neonato, e su come queste condizionino tutta la costruzione delle successive funzioni psichiche e quindi l'intero sviluppo dell'individuo, psichico e psicosomatico. Le prime strutture psichiche vengono a costruirsi dalle esperienze primarie (corporeamente veicolate) con la madre nel contesto delle vicende ambientali, prima, intorno e dopo la nascita (relazione gestante-feto, madre-neonato). In queste vicissitudini, relazionali e ambientali, possono originarsi eventuali anomalie dello sviluppo del bimbo. Le ricerche in campo hanno una loro applicatività clinica: si tratta di approntare le modalità di assistenza psicologica e sanitaria, che siano le più idonee ad assicurare al bimbo le migliori modalità di sviluppo e ai genitori il supporto necessario per svolgere le loro funzioni. Questo tipo di clinica potrà essere rivolta, sia alla gestante, alla madre e alla coppia genitoriale, sia agli operatori socio-sanitari delle strutture assistenziali per la nascita e la prima infanzia (ostetriche, infermieri, assistenti sociali, neonatologi, pediatri), affinché essi possano essere preparati e soprattutto supportati per svolgere al meglio le loro funzioni. Si prospettano pertanto progetti di Servizi di Psicologia Clinica Perinatale.

Psicologia Clinica Perinatale per lo sviluppo dei futuro individuo .Un uomo transgenerazionale.

CENA, Loredana
2011

Abstract

Lo sviluppo neurologico dei neonati non avviene solo per natura, ma per quanto i genitori (o caregiver) trasmettono loro. Il primo cervello, che così si struttura, è la base che condizionerà tutti i successivi apprendimenti del bimbo, i quali determineranno ulteriromente il suo cervello. Di qui la "mente" di un individuo: il suo specifico carattere, la sua affettività, il suo tipo di intelligenza, temperamento, personalità e comportamento. Quanto genitori e caregivers trasmettono, senza accorgersene, è veicolato dalle modalità con cui si curano del neonato e si relazionano con il bimbo: il veicolo di questa trasmissione sono le interazioni. Quello che viene trasmesso dipende dai genitori ed è diverso in ogni singolo caso. Il testo tratta delle esperienze e delle ricerche sulle modalità con cui si originano le prime funzioni mentali nel feto e nel neonato, e su come queste condizionino tutta la costruzione delle successive funzioni psichiche e quindi l'intero sviluppo dell'individuo, psichico e psicosomatico. Le prime strutture psichiche vengono a costruirsi dalle esperienze primarie (corporeamente veicolate) con la madre nel contesto delle vicende ambientali, prima, intorno e dopo la nascita (relazione gestante-feto, madre-neonato). In queste vicissitudini, relazionali e ambientali, possono originarsi eventuali anomalie dello sviluppo del bimbo. Le ricerche in campo hanno una loro applicatività clinica: si tratta di approntare le modalità di assistenza psicologica e sanitaria, che siano le più idonee ad assicurare al bimbo le migliori modalità di sviluppo e ai genitori il supporto necessario per svolgere le loro funzioni. Questo tipo di clinica potrà essere rivolta, sia alla gestante, alla madre e alla coppia genitoriale, sia agli operatori socio-sanitari delle strutture assistenziali per la nascita e la prima infanzia (ostetriche, infermieri, assistenti sociali, neonatologi, pediatri), affinché essi possano essere preparati e soprattutto supportati per svolgere al meglio le loro funzioni. Si prospettano pertanto progetti di Servizi di Psicologia Clinica Perinatale.
978-88-97412-14-4
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Full text Psicologia Clinica Perinatale -Espress_Edizioni-2011.pdf

accesso aperto

Tipologia: Full Text
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 4.37 MB
Formato Adobe PDF
4.37 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11379/147716
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact