«Il cinema non può mai evadere il contesto... spesso questi stessi scenari si muovono sul palcoscenico e diventano attori non protagonisti... Quando ciò succede, il regista e l'architetto, lo scenografo e il designer si uniscono allo scopo di orchestrare tali eventi. Infatti, benché l'architetto e i registi lavorino con mezzi differenti,... talvolta il loro lavoro si incrocia ed entrambi finiscono per assumere lo stesso ruolo di inventori di un contesto, reale o immaginario, il contenitore dello sviluppo narrativo della vita.» (S. Ira Hallet)

Architettura e film / Architecture and movie

LONGO, Olivia;
2005-01-01

Abstract

«Il cinema non può mai evadere il contesto... spesso questi stessi scenari si muovono sul palcoscenico e diventano attori non protagonisti... Quando ciò succede, il regista e l'architetto, lo scenografo e il designer si uniscono allo scopo di orchestrare tali eventi. Infatti, benché l'architetto e i registi lavorino con mezzi differenti,... talvolta il loro lavoro si incrocia ed entrambi finiscono per assumere lo stesso ruolo di inventori di un contesto, reale o immaginario, il contenitore dello sviluppo narrativo della vita.» (S. Ira Hallet)
8888559337
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11379/112714
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact